24
Mag 16

L'antica lingua dei Khoisan che fa "click"

https://www.youtube.com/watch?v=W6WO5XabD-s

Se seguite il link qui sopra, potrete ascolare la lingua dei Khoisan da un filmato di Youtube.

I Khoisan, una popolazione indigena della Namibia, probabilmente una volta costituiva la maggioranza della popolazione di esseri umani viventi sul pianeta e questo è durato per oltre 150.000 anni. Il popolo dei Khoisan incominciò poi a diminuire 22.000 anni, ma subì un'ulteriore impennata durante le incursioni in Africa dei colonialisti europei del XVII Secolo.

I nuovi studi effettuati da genetisti pubblicati su Nature Communications, poi ripresi dal giornale Science, hanno rivelato che i Khoisan, che ora contano all'incirca 100.000 persone, sono - da un punto di vista genetico - un gruppo diverso da tutti, perché risalgono ad una grande popolazione ancestrale che affonda le poprie radici in un lontanissimo passato. Il nome 'Khoisan’ si riferisce in generale ai cacciatori e ai pastori di un gruppo etnico che parla un singolare linguaggio pieno di 'click' (link sopra) e, tuttavia, non è il nome con cui questo popolo si riferisce a sé stesso. Storicamente, c'erano due gruppi di persone nella famiglia della lingua Khoisan: i pastori Khoi Khoi ed i San, che erano cacciatori e raccoglitori. Oggi questi due gruppi sono riconosciuti nel loro insieme come i Khoisan.

Khoisan, from the series, Once We Were Hunters

Picture by Paul Weinberg. (Wikimedia Commons)

I Khoisan sono conosciuti per il loro raro linguaggio in cui si sentono tanti click e sono probabilmente stati il gruppo di esseri umani più numeroso in un lontano passato, ma restano geneticamente ben distinti dagli europei, dagli asiatici e dagli altri africani. Alcuni di questi gruppi si sono mossi in migrazione fuori dall'Africa ed hanno popolato l'Europa, l'Asia ed il resto del pianeta nel momento in cui i Khoisan erano la più grande popolazione esistente a quei tempi.

"I cacciatori e raccoglitori Khoisan del Sudafrica hanno sempre percepito sé stessi come il popolo più antico", ha detto Stephan Schuster, un ex Professore della Penn State University, che attualmente lavora nella Nanyang Technological University a Singapore ed è il Direttore di un gruppo di ricerca.

Lo studio ha analizzato 420.000 varianti genetiche fra 1.462 genomi di 48 gruppi etnici. Queste anaisi hanno rivelato che i sudafricani Khoisan sono geneticamente distinti, non solo dagli europei e dagli asiatici, ma anche da tutti gli altri africani.

Anche un'altra ricerca precedente ha suggerito che i Khoisan discenderebbero in linea diretta dagli avi maschili comuni più antichi del genere umano. Uno studio sul DNA degli anni '90, ha rivelato che il cromosoma Y degli uomini San, una delle popolazioni che fanno parte dei Khoisan, condividono certi pattern della variazione genetica che è differente da quella di tutte le altre popolazioni del mondo. Si è teorizzato che i San erano una delle prime popolazioni ad essersi differenziate dagli antenati comuni di linea paterna molto più recenti di tutti gli altri esseri umani esistenti e si stima abbiano vissuto dai 60.000 ai 90.000 anni fa.

I ricercatori hanno ripercorso la storia dei Khoisan ed hanno visto che in passato si sono accoppiati molto poco con altri gruppi etnici ed hanno così preservato la loro unicità genetica.

Webb Miller, Professore di Bioinformatica presso la Penn State e membro del team di ricerca, afferma: "Questo studio e altri precedenti ci mostrano che il popolo dei Khoisan ed il resto dell'umanità moderna hanno condiviso i propri antenati più recenti approssimativamente intorno a 150.000 anni fa, pertanto è stato toalmente inaspettato verificare che questo gruppo apparentemente non si è unito con i propri vicini non Khoisan per molte migliaia di anni. Nell'attuale cultura e nella tradizione dei Khoisan, invece, ora è previsto che il matrimonio avvenga sì tra i gruppi Khoisan, ma risulta anche che dei membri di sesso femminile lascino le loro tribù dopo aver sposato uomini non Khoisan e sembra che questo consuetudine si perpetui ormai già da lunga data".

Una volta i Khoisan ritenevano necessario che gli uomini di un clan sposassero solo le donne di altri clan. I villaggi Khoisan constavano di più di 100 persone che vivevano in capanne a forma di cono. Gli abitanti del villaggio erano uomini dello stesso clan, con le mogli e i figli . I villaggi si unisrono poi in gruppi noti come tribù o orde.

Il popolo che parla Khoisan, come già ricordato, fu decimato dai colonialisti europei, che si impossesarono della loro terra e soppressero la loro cultura. Nel 2012, il Presidente sudafricano Jacob Zumaha ha dichiarato che i Khoisan hannno sofferto molto di più di ogni altro gruppo per la colonizzazione europea. Ecco le sue parole: "E' importante ricordare che il popolo dei Khoisan è stato tremendamente brutalizzato dai coloni, che hanno tentato di portarli all'estinzione, ma anche di distruggere la loro lingua e la loro identità. In un paese democratico, quale è il Suafrica oggi, non possiamo ignorare tutto ciò e dobbiamo agire per farci perdonare il nostro passato".

Le popolazioni dei Khoisan sono state sferzate e quasi spazzate via dalla guerra e dal vaiolo. Come pastori e cacciatori, i Khoisan avevano bisogno di grandi aree per pascolare i loro animali, cacciare e raccogliere cibo, ma veniva costantemente decimata per la perdita di mezzi di sussistenza a causa del furto continuato e progressivo della sua terra. Anche se molto del territorio storico dei Khoisan viene ormai coltivato, alcuni di loro continnuano a vivere le loro vite rispettando la millenniale tradizone di fatta di caccia, raccolta o di pastorizia.

 

 

FONTE: http://www.ancient-origins.net/news-evolution-human-origins/khoisan-people-south-africa-were-once-most-populous-humans-earth-002448

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.